Portale Auto e Motori

Automania.it
Notizie

Siete stati ingannati dai consumi della nuova auto?


di

Le differenze fra i consumi dichiarati e quelli reali vanno da un minimo del 16% a un massimo del 45%

Siete stati ingannati dai consumi della nuova auto?
Più del 90% delle pubblicità automobilistiche sembrano dichiarare consumi ed emissioni inferiori rispetto a quelle reali. Il problema è che le case costruttrici pur di aumentare il trend di vendita sono spinte a pubblicizzare consumi ed emissioni diverse da quelle effettive e ciò a scapito sia dei consumatori che dell’ambiente. Statisticamente è provato che alcune vetture consumano circa il 50% in più rispetto a quanto dichiarato con un costo maggiore che si aggira intorno a 300 euro all’anno. Neanche la legge viene in aiuto. La normativa oggi non consente al consumatore di sapere quanto effettivamente consumerà la vettura che acquista.

Per testare le automobili in Europa si utilizza il NEDC (New European Driving Cycle), un sistema non adeguato per misurare i reali valori di consumo di carburante di un autoveicolo. Le case automobilistiche infatti per ottenere risultati di consumo minori e basse emissioni spesso adottano degli escamotage: montano sulle auto testate pneumatici speciali gonfiati all’eccesso per avere meno resistenza e attrito al suolo o mettono nastro adesivo sulle rientranze dei veicoli per rendere le auto più aerodinamiche.

Per ovviare a tali problematiche è in fase di sviluppo il test WLTP (World Light Duty Test Procedure), che dovrebbe essere più attendibile in quanto fornirebbe stime sui consumi di carburante più realistiche. Intanto negli Stati Uniti, dove si utilizza il test FTP-75 (Federal Test Procedure), le case coreane Kia e Hyundai si sono ritrovate a dover risarcire migliaia di automobilisti per aver dichiarato consumi di carburante più bassi rispetto a quelli reali.

E' da sottolineare che Stai Uniti e Europa effettuano il test “a banco” ovvero su un percorso simulato e non reale e ciò impedisce di rilevare i consumi effettivi della vettura, un esempio tipico è il sistema Start&Stop adottato dalle case automobilistiche che consente di ottenere un minor consumo rispetto ad una vettura non dotata di tale sistema, in quanto grazie alle numerose pause previste dal test, assenti invece in condizioni reali, il motore risulterà spento e quindi non consumerà. Stesso discorso per le auto ibride, quest’ultime infatti consumano allo stesso modo di un auto a benzina anche se risultano ridotte le emissioni inquinanti.

Pertanto, in attesa di una normativa di maggiore tutela dei consumatori sarebbe buona norma provare su strada l’auto che hai deciso di acquistare per verificarne i consumi ma devi sapere che il concessionario non ha alcun obbligo di farlo. Diversamente, non esistendo nessuna garanzia di legge, non puoi chiedere alcun risarcimento nel caso in cui, dopo l'acquisto rilevi maggiori consumi rispetto a quelli dichiarati dalla casa costruttrice.

News Correlate
2017: risale il carburante, largo alle ibride » 2017: risale il carburante, largo alle ibride
Nel 2016 hanno avuto un primo rilancio, il nuovo anno anche per i nuovi aumenti del carburante potrebbe essere quello della definitiva affermazione
News Auto motori
Consumo carburanti in aumento » Consumo carburanti in aumento
Secondo il Centro Studi Promotor potrebbe essere un primo segnale di ripresa del settore. Maggiormente significativi saranno però i dati sulle immatricolazioni di maggio
News Auto motori
Prezzi benzina: aumento record nel 2012 » Prezzi benzina: aumento record nel 2012
Costo del carburante alle stelle, benzina raggiunge quota 1,834 euro al litro e il diesel 1,764
News Auto motori
Carburanti: aumenti in vista per Capodanno » Carburanti: aumenti in vista per Capodanno
In attesa della stangata di gennaio, previsti nuovi rincari per la fine del 2012
News Auto motori

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter

Iscriviti alla Mailing List di Automania®

 [ Info Newsletter » ]

3Wcom Web Agency