Portale Auto e Motori

Automania.it
Notizie

I pneumatici parleranno alle auto


di

Il Cyber Tyre di Pirelli permette allo pneumatico di diventare una sorta di copilota e di aiutare in caso di pericolo il guidatore

I pneumatici parleranno alle auto
[ Milano ] - Il made in Italy, quando abbraccia i settori a più alto livello tecnologico, come quello automotive, raggiunge sempre livelli di performance davvero altissimi. Advanced Driver Assistance Control, è il nome dell’innovativa ricerca che ha visto la collaborazione tra Pirelli e Politecnico di Milano. Il frutto di questa ricerca è stato presentato a Milano in un convegno organizzato dalla Fondazione Politecnico di Milano e dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera.

Il punto di partenza di questa ricerca era quello di offrire un pneumatico che fosse in grado di aumentare la sicurezza attiva e passiva per chi si trova a bordo della vettura. Cyber Tyre Pirelli è il nome di questa nuova tecnologia e permette, indipendentemente dalla volontà del guidatore, di ridurre la velocità del veicolo poco prima di affrontare una curva pericolosa o di migliorare molto, ancor prima dell’automobilista, la conduzione del veicolo su strada in caso di asfalto bagnato.

I sistemi più evoluti, denominati ADAS, sono progettati per aumentare i livelli di sicurezza dei veicoli con l’ausilio di telecamere, sensori e sistemi di visione notturna che grazie a modelli predittivi forniscono informazioni al conducente, lo avvisano di pericoli e interagiscono con gli altri apparati elettronici dell’auto per ridurre la situazione di pericolo quando questa è già attuale, ma non prima. La grande novità di Cyber Tyre Pirelli è che “legge” in maniera precisa, diretta e immediata le condizioni di marcia del veicolo intervenendo quando il pericolo è ancora potenziale, a vantaggio dei livelli di sicurezza. Lo pneumatico rappresenta, infatti, l’unico interfaccia tra il guidatore e la strada ed è l’unico dispositivo in grado di raccogliere in maniera diretta e in tempo reale, ma soprattutto preventiva rispetto a tutti gli altri sensori presenti sul veicolo, le concrete condizioni di marcia.

Il sensore, inserito nella superficie interna della gomma, interpreta le informazioni basate sulla variazione dell’attrito e delle forze impegnate a terra, le elabora e le trasmette al computer di bordo e a tutti i sistemi di sicurezza. Fulcro dello sviluppo, realizzato dal Dipartimento di Meccanica del Politecnico in collaborazione con il settore ricerca e sviluppo di Pirelli, è stato proprio lo studio dell’attrito e le sue variazioni nelle diverse condizioni. Questa nuova tecnologia rappresenta veramente una porta sul futuro dei sistemi di sicurezza.

News Correlate
Pirelli: presentati i nuovi pneumatici per la F1 » Pirelli: presentati i nuovi pneumatici per la F1
Forme inedite, nuove mescole e monitoraggio online sono le novità presentate dal presidente Tronchetti Provera
News Auto motori
Pirelli e Politecnico Milano insieme per la ricerca » Pirelli e Politecnico Milano insieme per la ricerca
La collaborazione triennale per lo sviluppo del pneumatico F1, del pneumatico intelligente e dei materiali innovativi
News Auto motori
Mostra della Fondazione Pirelli alla Triennale di Milano » Mostra della Fondazione Pirelli alla Triennale di Milano
“L´anima di gomma” è in programma dal 21 giugno al 24 luglio: racconterà la storia dell´industria e del costume
News Auto motori
La Pirelli punta in alto! » La Pirelli punta in alto!
Dai dati emersi nell’ultimo CdA, grazie ad ottimi ricavi e indebitamento sostanzialmente fermo, si è deciso di innalzare il target
News Auto motori

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter

Iscriviti alla Mailing List di Automania®

 [ Info Newsletter » ]

3Wcom Web Agency