Auto Motori  Home    Formula 1    Maserati Showroom    Salone di Francoforte     Assicurazioni    |  FOTO  |  VIDEO   | Newsletter | 
  News Auto e Motori
Notizie

I veicoli interconnessi


04/03/2020

di Domenico Scalera

Smart cars: le comunicazioni da veicolo a veicolo (V2V) e da veicolo a infrastruttura (V2I)

I veicoli interconnessi
Abbiamo già affrontato come i sistemi di Infotainment attuali vadano ben al di là della semplice visualizzazione di una mappa o dei punti di interesse, fornendo contemporaneamente indicazioni vocali e visive su come raggiungere la destinazione desiderata. I dispositivi tecnologici attuali sono in grado di gestire delle applicazioni audio e video installate direttamente sul veicolo, e hanno la possibilità di connettersi ai servizi online che forniscono le informazioni relative alla situazione del traffico e delle condizioni meteorologiche in tempo reale o addirittura predittive nel caso il viaggio debba durare molte ore. Non solo, un sistema di Infotainment è persino in grado di collegare il veicolo ai sistemi di telemetria e tracciamento del proprio produttore, il quale può così acquisire le informazioni direttamente dai sensori installati a bordo, fare le opportune verifiche, ed eventualmente correggere eventuali criticità riscontrati in questa fase. Un po’ come già succede sulle monoposto di in Formula 1, dove il Team dai box, riescono a controllare a distanza le centraline elettroniche e le mappature del motore. La rete mobile 5G ricoprirà un ruolo fondamentale nell’offrire connettività per le comunicazioni da veicolo a veicolo (V2V) e da veicolo a infrastruttura (V2I) ovvero tra auto e Server esterni.

E’ inutile sottolineare come un veicolo connesso, spesso indicato con il termine ‘smart car’, rappresenta qualcosa di completamente diverso, dal punto di vista tecnologico, da quanto sinora realizzato. Per chi deve ad esempio rilasciare un’App, la tentazione sarebbe quella di estrapolare le informazioni relative allo sviluppo di un’applicazione partendo dalle esperienze passate, ad esempio relative a un’App sviluppata per smartphone o tablet. In realtà, le più recenti tecnologie impiegate in campo automotive hanno dei requisiti molto differenti rispetto a quelli caratteristici di un dispositivo mobile. Queste differenze interessano soprattutto l’interfaccia utente o HMI (come in figura), l’esperienza e le sensazioni dell’utente in termini di risposta e reattività dell’applicazione, nonché vincoli stringenti legati all’affidabilità e robustezza del sistema. Inoltre, queste differenze peculiari si traducono in requisiti derivati quando si analizzano le caratteristiche che deve possedere il sistema per lo storage ad esse sottostante.

Pensiamo per un attimo a un caso d’uso reale: stiamo guidando la nostra autovettura, equipaggiata con un sistema di Infotainment di ultimissima generazione. Tocchiamo un’icona presente sullo schermo Touch del sistema per lanciare un’applicazione: quanto siamo disposti ad aspettare prima che l’App venga messa in esecuzione e sia reattiva ai nostri comandi? Un ritardo eccessivo potrebbe causare delle pericolose distrazioni. Per ragioni di sicurezza, ma anche per non infastidire inutilmente l’utente, una ‘smart car’ dovrebbe essere in grado di lanciare un’App nel modo più reattivo possibile. In caso di avvio ritardato, dovrebbe produrre informazioni grafiche e suggerimenti al fine di non distrarre il guidatore dalla guida.

E quale sarebbe il modo migliore per controllare tale applicazione? Il controllo manuale non è certamente una buona idea, in quanto distoglierebbe eccessivamente l’attenzione dalla guida. Meglio sicuramente un’interazione di tipo vocale, basata su comandi e risposte intuitive, in modo tale che il guidatore possa mantenere gli occhi sulla strada mentre interagisce con il dispositivo, anziché cercare di aggirare le latenze di risposta del software cercando modalità alternative per lanciare i comandi.

Cosa succede poi se un’App va in crash oppure si blocca senza alcun motivo apparente mentre si sta guidando? Se si tratta di un’applicazione vitale, come ad esempio una che monitora l’ambiente circostante il veicolo per rilevare in anticipo il rischio di una possibile collisione, non si vuole certo attendere a lungo affinché essa venga riavviata. Data la sua importanza, è necessario che essa si riavvii spontaneamente e riprenda a monitorare le condizioni e lo stato della strada nel più breve tempo possibile.

In ultima analisi, tutte le applicazioni installate in sistemi di Infotainment e guida autonoma leggono e scrivono moli molto elevate di dati, custodite all’interno del filesystem di Memorie eMMC ad elevata capacità. Progettare in modo opportuno le API (Application Programming Interface) che rappresentano le librerie di funzioni che permettono l’accesso a basso livello all’hardware a seguito di chiamate del sistema operativo, devono offrire la garanzia che la memoria di massa verrà usata nel modo più ottimizzato possibile sia a livello di usura nel tempo, e sia di affidabilità di funzionamento che di performance di accesso. Progettare una App per un sistema automotive senza conoscere a fondo tali problematiche è molto pericoloso, in quando potrebbe condurre a difettosità riscontrabili anche a distanza di molti anni dal rilascio e potenzialmente riscontrate a livello epidemico in tutti i veicoli che l’hanno installata. Tutto questo incide in maniera significativa sulla sicurezza di guida del veicolo.

News Correlate
Sicurezza per i sistemi automobilistici ad alta affidabilità » Sicurezza per i sistemi automobilistici ad alta affidabilità
Tecnologia dei dispositivi elettronici per la sicurazza sempre più presenti nel auto
Storage per Navigatori e Infotainment » Storage per Navigatori e Infotainment
Le soluzioni di archiviazione sempre maggiore per il settore automotive
Sistemi alla guida assistita ADAS, ecco come ricalibrarli? » Sistemi alla guida assistita ADAS, ecco come ricalibrarli?
Conosciamo meglio i sistemi Adas che si stanno estendendo anche alle citycar e quali sono gli interventi in officine specializzate. Sistemi ADAS obbligatori dal 2022
Tecnologia: l´interfaccia eMMC nelle auto » Tecnologia: l´interfaccia eMMC nelle auto
Applicazioni Embedded evoluti per il settore automotive

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter
Iscriviti alla Mailing List di Automania®

[ Info Newsletter» ]

3Wcom Web Agency