Portale Auto e Motori

Automania.it
Notizie

Il falso sequestro di Lapo Elkann


di

Il rampollo degli Agnelli finge sequestro per ottenere soldi dalla famiglia ma la polizia americana lo scopre e lo denunzia

Il falso sequestro di Lapo Elkann
[ New York, USA ] - Quella di Lapo Elkann è una storia controversa. Negli ultimi anni il nipote di Gianni Agnelli e fratello di John Elkann presidente della Fiat, ha fatto spesso parlare di se per la sua eccentricità e qualche volta anche a causa di vicende non del tutto edificanti.

Eppure il rampollo di casa Agnelli era ben partito facendosi le ossa come operaio, sotto l’identità posticcia di Lapo Rossi, in fabbrica a Pontedera, nella catena di montaggio della Piaggio; aveva proseguito poi la sua formazione nell’azienda di famiglia in Maserati, Ferrari e Fiat. In quest’ultima aveva anche cercato di proporre un nuovo progetto di comunicazione partendo dal rinnovamento del logo. I risultati furono anche abbastanza buoni ma nel 2005 decide di abbandonare la Fiat.

Le vicende professionali proseguono anche con diversi successi ma nel 2005 c’è il primo grave episodio allorché viene ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell'Ospedale Mauriziano di Torino dopo un festino a base di alcol e oppiacei con alcuni transessuali.

Proprio per un vicenda simile, Lapo Elkann il prossimo 25 gennaio comparirà davanti alla Corte criminale di New York dove rischia di ricevere una condanna da due e dieci anni di carcere per l’accusa di avere simulato un sequestro di persona.

Lo scorso 25 novembre, Giorno del Ringraziamento, Lapo si concede due giorni di divertimento a base di alcol e droga con un transessuale; ad un certo punto esaurisce il denaro contante e per averne altro chiama la famiglia dicendo di avere bisogno di 10 mila dollari per essere liberato da una persona che lo tiene sotto sequestro. I familiari avvertono invece la Polizia di New York che interviene, scopre tutto e denunzia l’imprenditore italiano.

Storia, dunque, di ordinario, forse, squallore che non avrebbe meritato poche righe in cronaca se non vi fosse stato coinvolto una membro della famiglia Agnelli che, nel bene e nel male, da circa 100 anni in Italia fa sempre notizia.
Intanto di Lapo a New York si sono perse le tracce, probabilmente è tornato in Italia ma, se non vuole evitare altri e peggiori guai, il 25 gennaio 2017 dovrà presentarsi davanti ad un giudice americano che, molto probabilmente, degli Agnelli non ha mai sentito parlare.

News Correlate
La Fiat e i suoi rapporti americani » La Fiat e i suoi rapporti americani
Mentre negli Stati Uniti tutto procede in armonia, in Italia la casa torinese si scontra con politica, sindacati e Confindustria
News Auto motori
Al Festival dell’economia di Trento la CGIL ammonisce Fiat » Al Festival dell’economia di Trento la CGIL ammonisce Fiat
La leader della CGIL chiede maggiore trasparenza e torna a bocciare la flessibilità nei contratti di Pomigliano e Mirafiori
News Auto motori
Lapo Elkann e la Fiat accusano le istituzioni di non aiutare le imprese » Lapo Elkann e la Fiat accusano le istituzioni di non aiutare le imprese
Il Presidente del Gruppo Fiat, nell’incontro con Confindustria, ha lamentato una mancanza di aiuto del Governo nei confronti degli imprenditori
News Auto motori
La produzione industriale cresce ma molto lentamente » La produzione industriale cresce ma molto lentamente
Rapporto di Federmeccanica, primo trimestre 2011: la crescita in Italia è stata solo dello 0,8% contro il 13,4% dell’Europa
News Auto motori

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter

Iscriviti alla Mailing List di Automania®

 [ Info Newsletter » ]


3Wcom Web Agency