Portale Auto e Motori
Notizie

Seat: il metano come alternativa green


di

Il marchio iberico offre una mobilità sostenibile a costi minimi

Seat: il metano come alternativa green
Nell’ottica di una mobilità sempre più sostenibile, ogni costruttore adotta le misure che ritiene più opportune per rispondere ad un’esigenza sempre più pressante, creare soluzioni alternative che possano ridurre l’impatto ambientale. Percorrendo questa via virtuosa, Seat punta sulla tecnologia a metano (gas naturale compresso, CNG) e offre ai clienti una gamma ricca di modelli ecocompatibili ed efficienti.

La gamma include i veicoli Ibiza TGI, Arona TGI e Leon TGI, vetture che si adattano ad ogni esigenza della clientela, puntando su una rete di rifornimento sempre più capillare che assicuri i vantaggi garantiti da questo tipo di mobilità, cioè sostenibilità con costi di gestione minimi.

“Seat sta promuovendo l’uso del metano come alternativa sostenibile ai tradizionali combustibili fossili. Questo gas consente infatti di ridurre le emissioni di CO2, senza alcun impatto negativo sulle caratteristiche distintive delle nostre vetture”, sono le parole di Luca de Meo, Presidente SEAT. “Inoltre, grazie alla compatibilità della tecnologia con il biometano proveniente da fonti rinnovabili, assume un’importanza ancora maggiore nell’era della mobilità a basse emissioni”.

In dettaglio, un’auto a metano presenta il 25% in meno di emissioni di CO2 rispetto ad un modello a benzina. Oltre ai vantaggi sul piano ecologico e fiscale, la tecnologia TGI assicura costi decisamente bassi: fino al 50% in meno rispetto al modello equivalente a benzina e il 30% in meno rispetto a un Diesel. Inoltre, grazie ai miglioramenti apportati è possibile contare su un’autonomia maggiore.

Un importante passo nello sviluppo di questa tecnologia è rappresentato dall’introduzione di un terzo serbatoio per il metano. Nel caso di Ibiza e Arona, l’autonomia a metano raggiunge 360 km, mentre la Leon arriva a percorrere 440 km.

I serbatoi di Ibiza TGI e Arona TGI sono in acciaio ad alta resistenza, mentre la Leon 1.5 TGI EVO monta un serbatoio in acciaio ad alta resistenza (più piccolo, situato davanti all’asse posteriore) e due nuovi serbatoi di grandi dimensioni collocati dietro l’asse posteriore in materiale composito in fibra di carbonio. Ibiza, Arona e Leon utilizzano il gas naturale come carburante primario salvo temperature inferiori ai -10°C. In questo caso, il motore si avvia in modalità a benzina e gli iniettori del gas vengono riscaldati fino al raggiungimento della temperatura operativa per l’attivazione del circuito del metano.

Con la tecnologia a metano, la Casa spagnola offre una valida alternativa su modelli che presentano gli stessi costi degli equivalenti a diesel.

News Correlate
Autobus, nel 2015 record di immatricolazioni » Autobus, nel 2015 record di immatricolazioni
La crescita globale del comparto dimostra che la crisi sta passando. Nel 2016 per i bus dati altalenanti ma ancora buoni
Bene gli autocarri a metano » Bene gli autocarri a metano
Idea emersa nel corso di un convegno organizzato a Bologna da Federmetano alla presenza delle associazioni degli autotrasportatori
Mhybus, un autobus a metano ed idrogeno » Mhybus, un autobus a metano ed idrogeno
La sperimentazione nel Comune di Ravenna si è appena conclusa. I dati rilevati sono incoraggianti, sia dal punto di vista economico che ambientale
Torna il Bonus per le auto a Gas e a Metano » Torna il Bonus per le auto a Gas e a Metano
Gli incentivi per i nuovi impianti a gas e a metano adesso sono per tutti

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter
Iscriviti alla Mailing List di Automania®

[ Info Newsletter » ]

3Wcom Web Agency