Auto Motori  Home    Formula 1    Maserati Showroom    Salone di Francoforte     Assicurazioni    |  FOTO  |  VIDEO   | Newsletter | 
  News Auto e Motori
Notizie

Dakar 2020: Rally Raid in Arabia Saudita pronti al via


04/01/2020

di Domenico Scalera

Tappe, Piloti emergenti e italiani. In gara 114 Bike, 23 Quads, 83 auto, 46 camion e 45 SSV

Dakar 2020: Rally Raid in Arabia Saudita pronti al via
[ Arabia Saudita ] - La 42^ edizione della Dakar 2020 prenderà il via domani, la principale novità è il cambio del continente non più in Sud America, ma si avvicina sempre più alle sue origini Africane. Quest’anno l’enorme carovana partirà dall'Arabia Saudita, dove il deserto farà da padrone assoluto in questa dura competizione. Al via, bene 342 veicoli dopo 3 giorni di verifiche tecniche e amministrative a King Abdullah, confermate le 5 categorie delle ultime edizioni: 114 Bike, 23 Quads, 83 Auto, 46 Camion e 45 veicoli off-road SSV.

I francesi sono il contingente più numeroso della competizione con 119 piloti e copiloti, seguono la Spagna con 75 e Paesi Bassi con 50. Tra questi gareggeranno 13 donne che indosseranno il loro casco per la partenza di Al Wajh. Nella carovana della Dakar 2020 sono rappresentate in totale 68 nazioni inclusi gli equipaggi di supporto, cifre davvero imponenti per uno spettacolo unico nel suo genere.

Il principe del Qatar, Nasser Saleh Al Attiyah con il copilota Mathieu farà di tutto per difendere il titolo conquistato lo scorso anno con la Toyota Gazoo Racing. Nello stesso team ci sarà un altro veterano del Rally Raid, Giniel de Villiers, forte della vittoria alla Dakar 2009 e di quattro successi al Rally del Marocco, l’ultimo dei quali ottenuto di recente a fianco di Alex, il suo nuovo navigatore.Tra le new entry sempre nella categoria delle auto, un duo d’eccezione spagnolo: debutto per Fernando Alonso, due volte vincitore alla 24 Ore di Le Mans, campione in carica del Mondiale FIA Endurance con Toyota Gazoo Racing, due volte campione mondiale di Formula 1, ex ferrarista e vincitore della 24 Ore di Daytona. Il pluricampione si cimentarà in una nuova disciplina motoristica, accanto a lui siederà in veste di navigatore Marc Coma, leggenda del Motorsport con all’attivo 6 Mondiali FIM Cross Country e 5 vittorie alla Dakar nella categoria Bike. Da agosto scorso la coppia iberica è impegnata nella preparazione della Dakar, con test su alcuni dei tracciati più estremi di tutto il mondo, in Europa, Africa e Medio Oriente. Ad oggi, Alonso e Coma hanno più che raddoppiato il chilometraggio deciso inizialmente per l’addestramento, un chiaro segnale della loro voglia di conquistare una delle corse più impegnative del panorama motoristico.

Nella categoria delle auto, due gli equipaggi italiani entrambi a bordo di Mitsubishi Pajero WRC Plus per R Team: il primo è Andrea Schiumarini con il navigatore Enrico Gaspari che debutta in questa competizione. Il pilota Andrea ha conquistato il 54° posto nel 2019 e la soddisfazione di aver completato la sua prima Dakar. Per chi gareggerà l’obbiettivo è quello di completare il Rally Raid più leggendario al mondo, ma la meta più ambita è sicuramente quella di tagliare il traguardo finale e conseguire la vittoria. L’altro equipaggio italiano, nella categoria auto, è quello formato dal pilota Marco Carrara e il navigatore Leonardo Cini, entrambi hanno un'esperienza pregressa nel mondo dei Rally e Off-Road ma è la prima volta che gareggeranno insieme nella Dakar.

La competizione prenderà il via domani, 5 gennaio 2020 da Jeddah. Sono in programma 12 tappe, l’ultima a Qiddiaya il 17 gennaio con un giorno di riposo previsto a Riyadh il giorno 11. Eccole tutte le tappe previste per la competizione:

Stage 1 - 5 gennaio > Jeddah – Al Wajh 752 km Totali - 319 km Steciale
Stage 2 - 6 gennaio > Al Wajh – Neom 401 km Totali - 367 km Steciale
Stage 3 - 7 gennaio > Neom – Neom 489 km Totali - 404 km Steciale
Stage 4 - 8 gennaio > Neom – Al Ula 676 km Totali - 453 km Steciale
Stage 5 - 9 gennaio > Al Ula – Ha’il 563 km Totali - 353 km Steciale
Stage 6 - 10 gennaio > Ha’il – Riyadh 830 km Totali - 478 km Steciale
Giornata di Riposo – 11 gennaio
Stage 7 - 12 gennaio > Riyadh – Wadi Al-Dawasir 741 km Totali - 546 km Steciale
Stage 8 - 13 gennaio > Wadi Al-Dawasir – Wadi Al-Dawasir - 713 km Totali 474 km Steciale
Stage 9 - 14 gennaio > Wadi Al-Dawasir – Haradh 891 km Totali - 415 km Steciale
Stage 10 - 15 gennaio > (Marathon) Haradh-Shubaytah 608 km Totali - 534 km Steciale
Stage 11 - 16 gennaio > (Marathon) Shubaytah – Haradh 744 km Totali - 379 km Steciale
Stage 12 - 17 gennaio > Haradh – Qiddiyah 447 km Totali - 374 km Steciale

La gara deve ancora prendere il via e già c’è il primo brutto incidente nello Shakedown, una sorta di riscaldamento e spettacolo anticipatorio della corsa vera e propria. ll pilota ceco Martin Kolomy del Team MP-Sports ha subito un grave incidente prima dell'inizio del Dakar Rally 2020 e dovrà abbandonare la competizione. Kolomy, a bordo di una Ford F-150 Raptor, ha perso il controllo del mezzo nello Shakedown, danneggiando il veicolo e ferendosi seriamente.

News Correlate
Dakar 2020: vince la coppia Sainz-Cruz » Dakar 2020: vince la coppia Sainz-Cruz
Il vincitore della scorsa edizione Al-Attiyah chiude in seconda posizione
Dakar 2020: muore la leggenda Goncalves » Dakar 2020: muore la leggenda Goncalves
Il pilota ha perso la vita durante la settima tappa
Dakar 2020: il punto della situazione » Dakar 2020: il punto della situazione
Brabec consolida il primato in classifica. Ottima prova per l´esordiente Fernando Alonso
Dakar 2018: ultimo atto »

Automania Answares
Dakar 2018: ultimo atto
Trionfa Carlos Sainz nella categoria auto, giunto 14esimo nella tappa finale di Cordoba

   [ Altre news correlate » ]

Newsletter
Iscriviti alla Mailing List di Automania®

[ Info Newsletter» ]

3Wcom Web Agency